Ecco cosa succede quando dai alle aziende l'accesso ai tuoi dati online

What Tech Companies Do With Our Data

Hai provato a utilizzare un servizio online (indipendentemente dal fatto che sia pagato o meno) senza prima registrare un account? Anni fa, questo era possibile, ma al giorno oggi, è quasi inaudito. Ogni giorno, i siti Web e le app online di tutte le forme e dimensioni ci chiedono di creare account, e di quelli che non lo fanno, molti cercano di farci usare i nostri profili sui social media. Ma perché non ci lasciano semplicemente usare il servizio senza aver effettuato accesso?

È vero che utilizzo di alcuni siti Web e applicazioni senza un account sarebbe un incubo, ma troppo spesso i servizi online hanno un altra ragione per farci creare profili sulle loro piattaforme. Gli account personali contengono dati personali e i dati personali possono essere molto preziosi.

Cosa fanno i servizi online con i nostri dati?

È uno degli strani paradossi del 21 ° secolo. Trasmettiamo le nostre informazioni personali giorno dopo giorno. Creiamo nuovi account e colleghiamo quelli esistenti senza battere ciglio, e i servizi online raccolgono sempre più informazioni su chi siamo, cosa ci piace e dove andiamo su base giornaliera. Questo tipo di raccolta di dati è una delle cose che ha plasmato attuale panorama online e senza di essa la nostra esistenza su Internet sarebbe quasi impossibile. Eppure, se chiedi alle persone cosa ne pensano, molti direbbero che questo tipo di raccolta di informazioni di massa è una brutta cosa ed è andata fuori controllo. Questo non è del tutto vero.

Fornire i nostri dati personali ai fornitori di servizi online può a volte proteggerci. Con esso, le applicazioni possono garantire che siamo chi diciamo di essere e che nessuno interferisca con i nostri account. Inoltre, i nostri dati personali possono migliorare la nostra esperienza complessiva perché aiutano i fornitori a mostrarci contenuti che potrebbero davvero piacerci e connetterci con persone che conosciamo o che saremmo felici di incontrare. Questo rende l'utilizzo dei servizi più piacevole, ma dobbiamo essere consapevoli di quante aziende tecnologiche sanno di noi e di cosa stanno facendo con le nostre informazioni.

Come le aziende tecnologiche raccolgono informazioni personali

Sfortunatamente, non si tratta solo dei dati che hai inserito nel modulo di registrazione. Grazie in parte al Internet of Things (IoT) , i giganti della tecnologia hanno un numero di modi diversi di apprendere dove siamo, cosa stiamo facendo, a cosa siamo interessati e tutti i tipi di altri dettagli sulla nostra vita personale. Per la maggior parte, questi meccanismi di raccolta dei dati sono dettagliati nel legale che viene fornito con ogni singolo servizio online, ma le persone non ne sono a conoscenza e quando imparano cosa sta succedendo, tendono ad essere piuttosto turbati.

Come accennato in passato, leggere le politiche sulla privacy di ogni singolo servizio e applicazione online non è realmente possibile. Sfogliandoli e tenendo presente che le aziende cercheranno di raccogliere i tuoi dati in una varietà di modi nuovi e interessanti è molto importante, anche se. Sfortunatamente, dopo averlo ottenuto, potrebbe finire nelle mani sbagliate.

Quando i fornitori di servizi non riescono a proteggere i nostri dati

Le montagne di dati che si trovano nei bucket Amazon S3 non configurati correttamente , nei database ElasticSearch e MongoDB mostrano che archiviazione impropria dei dati è di gran lunga la ragione principale del enorme numero di violazioni dei dati al giorno oggi. Questo tipo di esposizione avviene ogni giorno e sebbene gli errori siano abbastanza semplici, sono fatti sia da grandi che da piccole aziende.

Sperare di non essere influenzato da una perdita di dati di natura simile equivarrebbe a poco più di un pio desiderio. Sperare che i ricercatori responsabili della sicurezza arrivino ai server configurati male prima che i criminali informatici sia un po più realistico.

Quando i fornitori di servizi monetizzano i nostri dati

Abbiamo già detto che i dati personali sono un bene prezioso e probabilmente non sarete sorpresi di sapere che alcune persone sono disposte a pagare un bel soldo per questo. Il fatto è che alcuni fornitori di servizi venderanno i nostri dati personali a inserzionisti e società di marketing e non ci chiederanno necessariamente se siamo accordo.

Le conseguenze vanno dalle fastidiose chiamate fredde al potenziale furto di identità, e gli esperti di sicurezza consigliano di ridurre al minimo il rischio, gli utenti dovrebbero limitare il numero di aziende online e fornitori di servizi con cui trattano e attenersi a quelli di cui conoscono e di cui si fidano.

Quando il governo bussa alla porta

Le agenzie governative di tutto il mondo contattano le aziende tecnologiche e richiedono le informazioni personali degli utenti. È un dato di fatto a cui probabilmente non hai prestato molta attenzione finora, ma è vero. In effetti, un paio di mesi fa, il sito web tutorial AddictiveTips.com ha cercato di analizzare alcune delle tendenze. I suoi giornalisti hanno esaminato alcuni rapporti sulla trasparenza pubblicati da alcuni dei nomi più riconoscibili della Silicon Valley e hanno scoperto che il numero di richieste di informazioni è passato da meno di 30 mila nel 2010 a oltre 380 mila nel 2017. Le nuove leggi sulla privacy dei dati hanno invertito il tendenza un po nel 2018, ma nel complesso, i numeri sono piuttosto significativi.

Inutile dire che non tutte le richieste sono concesse. Facebook, che ha ricevuto il maggior numero di richieste da agenzie governative, ha accettato di fornire informazioni personali nel 74% dei casi. Apple e Snapchat hanno ricevuto molte meno richieste, ma ne hanno concesso circa 80% e Google ha accettato di condividere le informazioni con il governo il 66% delle volte. Quando si tratta di condividere informazioni personali con agenzie governative, Airbnb e LinkedIn (che hanno concesso rispettivamente il 34% e il 43% delle richieste) sono i servizi più riluttanti. Gli utenti americani saranno probabilmente interessati a sapere che il governo degli Stati Uniti è di gran lunga il maggior numero di richieste.

Molti utenti tendono a pensare che la privacy delle loro informazioni personali non sia molto importante perché nessuno è così interessato ad esse. Presumono che le aziende tecnologiche, i criminali e le agenzie governative sarebbero più disposti a mettere le mani sui dati di utenti specifici e di alto profilo piuttosto che sulla media di Joe e Joanne. Il flusso continuo di incidenti di sicurezza, la raffica di annunci personalizzati e le richieste del governo di cui AddictiveTips.com ha parlato dimostrano chiaramente che non è così.

October 3, 2019

Leave a Reply

IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math.
Please leave these two fields as is:
What is 3 + 10 ?