Vuoi sopravvivere al ransomware: ecco come proteggere il tuo PC

Gli esperti di sicurezza IT hanno sostenuto che "il ransomware è tutto negativo per umanità distillata in malware: malvagità, avidità e incompetenza occasionale" . Non è difficile capire perché alcuni di loro possano sostenere tale opinione: è una delle forme di attacco più perniciose e redditizie ed è purtroppo molto efficace e diffuso, motivo per cui gli utenti devono sapere come proteggersi da esso.

Che co è il ransomware?

Il ransomware è un tipo dannoso di malware progettato per bloccare utente fuori dal uso del dispositivo interessato fino a quando non viene pagato un "riscatto". Questo è solitamente fatto dal malware che crittografa tutti i file sul dispositivo, rendendoli inutilizzabili senza uno strumento o una chiave di decrittazione. Il riscatto richiesto è di solito in qualche forma di criptovaluta. Mentre il ransomware è più efficace come strumento per estorcere entità aziendali, aziendali e governative, anche i privati sono spesso colpiti da tali attacchi malevoli.

Come proteggersi dal ransomware

  1. Gli utenti devono essere istruiti in modo approfondito su cosa sia il ransomware, quali siano i vettori più comuni di infezione e quali conseguenze possano avere conseguenze per gli attori malintenzionati sul proprio sistema. Gli attori dannosi nella sfera IT sono ingegnosi e stanno solo diventando più attivi, non meno - il che significa che gli utenti devono tenerli costantemente aggiornati. Sebbene ciò possa apparire come un uso non ottimale del tuo tempo, potrebbe anche rivelarsi prezioso per evitare un disastro di dati.
  2. Gli utenti devono stabilire le priorità per capire quali soluzioni di sicurezza IT sono più adatte a loro e alla loro situazione particolare, quindi procedere al implementazione di detta soluzione dopo la fretta. La portata e la natura delle misure adottate per garantire la sicurezza IT ottimale garantita da attività specialistica possono variare: per la maggior parte degli utenti, è sufficiente eseguire u app anti-malware adeguata sui pochi dispositivi che utilizzano.
  3. È indispensabile che qualsiasi utente che valuti i propri dati adotti un metodo per archiviare i propri file in modo affidabile. In questo modo se tali dati vengono persi a causa di un attacco ransomware dannoso, potrebbero essere recuperati con relativa facilità.

Quali mezzi di archiviazione dei dati potresti usare?

  1. Archiviazione dati locale. Alcune aziende preferiscono mantenere un dispositivo dedicato caricato con backup di tutti i dati rilevanti per le loro attività. Sebbene questo metodo non sia certamente negativo e possa garantire che nessun dato venga perso in un attacco informatico, comporta comunque il rischio associato alla memorizzazione delle informazioni in un dispositivo fisico: è necessario mantenerlo e un guasto tecnico in detto dispositivo in un il brutto momento può invalidare tutto lo sforzo che intera azienda ha messo finora nel backup dei dati.
  2. Archiviazione dei dati nel cloud. Esistono servizi specializzati nella fornitura sia di servizi generali di archiviazione dei dati, sia di spazi dedicati di archiviazione dei dati per le aziende ottimizzati per soddisfare le esigenze specifiche dei propri clienti. Questa è u opzione eccellente, poiché rende entrambi i dati che si desidera archiviare facilmente accessibili per il recupero in qualsiasi momento in qualsiasi luogo ed estremamente ben protetti.

Come porre rimedio a u infezione da ransomware

Infine, se un utente ha mai la sfortuna di cadere vittima di un attacco di ransomware, non dovrebbe disperare: ogni speranza non viene persa. Esistono strumenti e passaggi gratuiti che puoi adottare per contrastare la crittografia utilizzata da alcuni tipi di ransomware. Ecco alcuni esempi:

  1. No More Ransom è un progetto congiunto piuttosto spettacolare tra McAfee e una manciata di organizzazioni europee delle forze del ordine che ora vanta circa 100 partner aziendali e governativi. Se il sistema di un utente viene mai infettato, utente potrebbe provare a caricare alcuni file sul sito No More Ransom. Se uno degli esperti coinvolti nel progetto ha una soluzione per questo tipo di crittografia, alla vittima verrà data la possibilità di sbloccare i propri file gratuitamente.
  2. ID Ransomware è un progetto simile a No More Ransom ma è un progetto creato e gestito da Emsisoft.
  3. Chiedi in giro e contatta gli specialisti della sicurezza IT che si concentrano sulla prevenzione e la lotta contro questo tipo di attacco. Twitter è un buon posto per provare a trovarli, e la maggior parte di essi è super utile quando si tratta di recuperare file.

September 13, 2019

Lascia un Commento

IMPORTANTE! Per poter procedere, è necessario risolvere la seguente semplice matematica.
Please leave these two fields as is:
Che cos'è 10 + 3?