Sono trapelati i dati personali di 500 milioni di utenti di Facebook

Informazioni di identificazione personale appartenenti a circa 500 milioni di utenti di Facebook sono trapelate online. Come riportato da Business Insider, i record degli utenti sono apparsi su un forum di hacking online e sono stati pubblicati gratuitamente.

Gran parte dei 500 milioni di utenti sono cittadini statunitensi e britannici, con 32 milioni di utenti statunitensi e 11 milioni di utenti dal Regno Unito. Ci sono oltre 100 paesi colpiti nelle informazioni trapelate.

I dati trapelati contengono una serie di informazioni sensibili e personalmente identificabili sugli utenti di Facebook. Questi includono numeri di telefono, ID piattaforma, posizione e date di nascita, nonché nomi completi ed e-mail in alcuni casi.

L'esperto di sicurezza Alon Gal, che lavora con la società di cyber intelligence Hudson Rock, ha commentato la fuga di notizie e ha affermato che è molto probabile che i dati vengano utilizzati da malintenzionati sia per tentativi di hacking che per credibili attacchi di ingegneria sociale.

Facebook - Sicurezza dei dati Deja Vu

Questa fuga di dati non è la prima volta che Facebook è sotto i riflettori per le sue politiche di sicurezza dei dati.

Nel 2018 la società ha subito un'altra fuga di dati in cui gli aggressori hanno abusato di una vulnerabilità per accedere ai dati di 50 milioni di utenti di Facebook. La vulnerabilità era attiva sulla piattaforma tra la metà del 2017 e la fine del 2018, dando ai cattivi attori tutto il tempo per fare il loro lavoro sporco.

All'indomani di questa più recente fuga di dati, il sito Web Have I Been Pwned ?, che viene comunemente utilizzato per verificare se i dati personali e le password di un utente sono stati in qualche modo compromessi e trapelati online, ha aggiunto nuove funzionalità che consentono agli utenti di cercare il proprio numero di telefono e vedere se faceva parte della massiccia fuga di dati.

Commenti mordaci Diretto al CEO di Facebook

Alcuni dettagli curiosi sulla fuga di notizie includono il fatto che il telefono del fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg era anche tra i numeri trapelati. La fuga di notizie ha anche rivelato che Zuckerberg stava usando Signal sul suo telefono, un diretto concorrente di WhatsApp di proprietà di Facebook.

Il ricercatore di sicurezza Dave Walker ha twittato un commento pungente sulla situazione, affermando che Mark Zuckerberg "rispetta la propria privacy" e utilizza un'applicazione di chat che "ha una crittografia end-to-end e non è di proprietà di Facebook".

April 7, 2021

Lascia un Commento