Le vittime della violazione dei dati di Virgin Media nel 2020 possono essere idonee fino a £ 5.000

Lo studio legale per i consumatori Your Lawyers ha avviato un reclamo contro Virgin Media in relazione alla violazione dei dati avvenuta all'inizio del 2020. La richiesta di azione di gruppo è per un massimo di 4,5 miliardi di sterline britanniche.

Nel marzo 2020, Virgin Media ha rivelato che un database mal configurato ha portato i cattivi attori ad accedere ai dettagli di contatto di quasi un milione di persone. Per fortuna, la violazione non ha comportato password o informazioni finanziarie come credenziali e numeri di carte di credito. Tuttavia, il database violato conteneva informazioni di identificazione personale come numeri di telefono, indirizzi reali, e-mail e nomi reali. Il database difettoso è rimasto attivo per quasi un anno e si è verificato almeno un caso di accesso non autorizzato da parte di quelli che molto probabilmente erano cattivi attori.

I tuoi avvocati stanno lavorando a un accordo sulla tariffa condizionale su questo caso, il che significa che i partecipanti all'azione di gruppo non devono alcun denaro allo studio legale se il reclamo fallisce, quindi chiunque e tutti sono liberi di perseguire. Lo studio legale ritiene inoltre che chiunque sia stato colpito dalla violazione dei dati potrebbe ricevere un risarcimento fino a 5mila sterline inglesi.

Dopo che il reclamo è stato presentato, Virgin avrà quattro settimane per rispondere amichevolmente o occuparsi dell'ordinanza di contenzioso di gruppo che i tuoi avvocati presenteranno e porteranno l'intero calvario in aula.

Tutte le vittime di violazioni dei dati Virgin sono state invitate a partecipare

Il direttore del tuo avvocato Aman Johal ha sottolineato i rischi per la sicurezza informatica associati alle informazioni personali esposte, tra cui frodi e phishing. Lo studio legale sta, ovviamente, esortando chiunque sia stato colpito dalla violazione dei dati a partecipare all'azione di gruppo. Finora si sono iscritte circa duemila persone e si prevede che questo numero aumenterà con il passare del mese successivo.

Ancora una volta, secondo i tuoi avvocati, le persone i cui dati sono finiti nel database che perde potrebbero potenzialmente avere diritto a un risarcimento fino a 5mila sterline per il "disagio finanziario ed emotivo" che hanno sopportato.

Dall'altro lato della barriera, Virgin Media ha sottolineato che le informazioni trapelate non contenevano password o informazioni di pagamento e bancarie.

Resta da vedere come andrà a finire l'azione di gruppo e se il caso andrà in tribunale.

October 19, 2020

Lascia un Commento