Scopriamo 10 miti che gli utenti di Android e iPhone continuano a credere

Quanto è importante il tuo smartphone per te? Tieni il passo con le tue attività commerciali utilizzandolo? Lo usi principalmente per comunicare con la tua famiglia e i tuoi amici? Forse è uno strumento per l'intrattenimento? Qualunque sia il caso, siamo sicuri che il tuo telefono significhi molto per te e che non vuoi perderlo o farlo hackerare da qualcuno dall'esterno. Mentre gli utenti di iPhone e smartphone Android dispongono di numerosi strumenti di sicurezza che possono scegliere per rafforzare i propri dispositivi, non tutti utilizzano le misure di sicurezza disponibili. In parte, ciò è dovuto alla convinzione comune che gli smartphone non possano essere hackerati. Sfortunatamente, questo è solo un mito. I miti della cibersicurezza sono prevalenti tra gli utenti Android e iPhone, motivo per cui abbiamo creato questo elenco. Dai un'occhiata e avrai i più comuni miti sulla sicurezza di Android / iPhone sfatati.

Mito sulla sicurezza n. 1: i criminali informatici non sono interessati all'hacking degli smartphone

I dati personali equivalgono al denaro nel mondo di oggi e i criminali informatici sono contenti di qualsiasi tipo di dati su cui possano mettere le mani. Secondo le statistiche dell'hosting tribunali , ogni 39 secondi si verifica un nuovo attacco di hacker, 75 record vengono rubati anche al secondo posto e il crimine informatico, in modo scioccante, è molto più redditizio del commercio illegale di droga. È stato scoperto che i criminali informatici hanno guadagnato $ 600 miliardi nel 2018 e molti di questi sono derivati dalla vendita di dati personali e aziendali o dallo sfruttamento per guadagnare denaro in altri modi. Se ritieni che i criminali informatici non siano interessati a violare il tuo telefono, ti sbagli completamente.

Mito sulla sicurezza n. 2: il blocco dei telefoni è una perdita di tempo

Quanto tempo è necessario per sbloccare il telefono? Millisecondi, molto probabilmente, e quindi non ci sono scuse per non bloccare il tuo iPhone o smartphone Android. Quando blocchi un telefono, devi pensare al modo migliore per farlo. Seguirai la strada più popolare per aggiungere un codice PIN? Forse utilizzerai l'autenticazione biometrica per identificarti? Qualunque sia il metodo scelto, è necessario assicurarsi di utilizzare il blocco in modo appropriato. Ad esempio, se stai usando un codice PIN, non limitarti a schiaffeggiare su 000000 come ha fatto Kanye. Se vuoi essere sicuro che nessuno possa dirottare fisicamente il tuo telefono, devi assicurarti che il codice PIN sia il più lungo possibile e che anche i caratteri che usi siano completamente casuali. Inoltre, preparati per lo scenario peggiore. Ad esempio, gli utenti iPhone dovrebbero configurare Trova il mio telefono per avere la possibilità di cancellare i dati in remoto.

Mito sulla sicurezza n. 3: i dispositivi collegati agli smartphone non necessitano di protezione aggiuntiva

Il mondo dei dispositivi IoT si sta espandendo rapidamente e la maggior parte di questi dispositivi richiede il download di app che è possibile utilizzare per controllarli dal proprio dispositivo Android o iPhone. Sfortunatamente, molte persone non capiscono che anche i dispositivi IoT possono essere hackerati, e quindi anche se lo smartphone è protetto, gli hacker potrebbero accedervi tramite le vulnerabilità del tuo termostato intelligente, del tuo baby monitor intelligente o del tuo assistente di casa intelligente. Proprio di recente, i ricercatori hanno segnalato che i criminali informatici utilizzano Google Home e Amazon Alexa per intercettare i propri utenti e rubare le password . Questo è il motivo per cui ogni singolo dispositivo che si collega allo smartphone DEVE essere protetto in modo appropriato.

Mito sulla sicurezza n. 4: gli app store più famosi possono essere sempre considerati affidabili

Sia che utilizzi Google Play o App Store , potresti pensare di essere al sicuro. Sfortunatamente, non è un dato di fatto. I criminali informatici sono intelligenti e sanno come ingannare anche gli esperti di sicurezza dell'app store. Ad esempio, poco più di un mese fa, è stato segnalato che 25 app di fotoritocco Android sono state infettate da malware . Queste app sono state rimosse da Google Play immediatamente, ma il danno era stato fatto. Sfortunatamente, notizie come questa sono abbastanza comuni in questi giorni. Se vuoi stare al sicuro, devi cercare ogni singola app che decidi di installare. Questo potrebbe richiedere del tempo, ma è meglio prevenire che curare.

Mito sulla sicurezza n. 5: tutte le app richiedono autorizzazioni intrusive

Parlando di app, quando le installi, sei informato su alcune autorizzazioni che sono concesse al momento dell'installazione. Devi stare molto attento a quelli perché non vuoi dare a qualcuno più potere di quello di cui hanno bisogno. Naturalmente, se ti trovi di fronte a un'app che richiede autorizzazioni ridicole, potresti avere a che fare con qualcuno sinistro. Ti ricordi FaceApp ? La famigerata app di fotoritocco ha richiesto il pieno accesso a tutte le foto che, secondo quanto riferito, sono state inviate direttamente ai server dell'azienda. Nel complesso, quando si tratta di autorizzazioni, devi usare la testa. Se un'app di fotoritocco richiede l'accesso ai tuoi contatti, qualcosa non va.

Mito sulla sicurezza n. 6: gli utenti di smartphone non necessitano dell'autenticazione a due fattori

Sebbene l'autenticazione a due fattori (e persino l'autenticazione a più fattori) non sia invincibile , è fondamentale configurarla. Anche se utilizzi, ad esempio, solo il tuo account Instagram sul tuo iPhone, devi comunque impostare l'autenticazione a due fattori per garantire che nessun altro possa violare una password e assumere il tuo account. Periodo.

Mito sulla sicurezza # 7: va bene saltare gli aggiornamenti delle app

Gli aggiornamenti possono richiedere del tempo e potrebbero persino rallentare il tuo dispositivo. Inoltre, hanno bisogno di dati e, se si utilizza un piano dati mobile limitato, è possibile continuare a posticipare gli aggiornamenti per quando è possibile connettersi al WiFi. Saltare gli aggiornamenti non è mai una buona idea. Prima di tutto, vuoi che le tue app funzionino al massimo livello e non puoi assicurarti di saltare gli aggiornamenti. Ancora più importante, gli aggiornamenti includono patch di sicurezza e, se non le applichi, le tue app potrebbero aiutare i criminali informatici a prendere il controllo del tuo dispositivo senza che tu lo sappia.

Mito sulla sicurezza n. 8: va bene eseguire vecchie versioni del sistema operativo

Anche se saltare gli aggiornamenti delle app è una pessima idea, posticipare l'aggiornamento del sistema operativo mobile non è una buona idea. Ancora una volta, questo aggiornamento richiede tempo e, se hai sempre bisogno del tuo telefono, potresti esitare a installare l'ultima versione del tuo sistema operativo iPhone (iOS 13) o Android (Pie 9). Le nuove versioni offrono una maggiore varietà di funzionalità e potrebbero includere anche migliori soluzioni di sicurezza, motivo per cui è sempre una buona idea eseguire l'ultima versione del sistema operativo iOS o Android. Detto questo, ogni volta che viene rilasciata una versione aggiornata, è probabile che si verifichino anomalie e bug , quindi è necessario prestare attenzione anche a questo.

Mito sulla sicurezza n. 9: l'investimento in software antivirus non è necessario

Gli utenti di iPhone non devono davvero preoccuparsi di questo , ma è assolutamente necessario per gli utenti Android utilizzare strumenti antivirus perché ci sono molte opportunità per gli hacker di dirottare gli smartphone da remoto. In molti casi, è difficile tenere il passo con tutti gli aggiornamenti e le minacce alla sicurezza, motivo per cui gli strumenti antivirus possono essere estremamente importanti. Quando si tratta di scegliere tra strumenti antivirus gratuiti ea pagamento, la scelta è tua, ma, naturalmente, gli strumenti che costano denaro di solito offrono più funzionalità e migliori sistemi di sicurezza. Detto questo, non tutti gli strumenti che devono essere pagati sono utili, quindi devi essere selettivo su ciò che installi e su ciò per cui paghi.

Mito sulla sicurezza n. 10: i gestori di password non aiutano gli utenti di smartphone

Hai provato Cyclonis Password Manager ? È uno strumento gratuito disponibile per utenti Windows, Mac, Android e iOS. Questo strumento può aumentare la nostra produttività online assicurandoti di non dover ricordare nessuna delle tue password complesse. Tieni presente che le password devono essere complesse se non vuoi che i criminali informatici le indovinino e poi le utilizzino per dirottare i tuoi account o forse anche i tuoi dispositivi. Lo strumento si prende cura delle tue password crittografandole per garantire che siano sempre sicure. Lo strumento può anche aiutarti a crittografare altri tipi di dati sensibili, incluso il numero del passaporto o il numero della tua carta di credito. Alla fine della giornata, i dati personali equivalgono al denaro e si desidera utilizzare ogni opportunità e ogni strumento per proteggerlo.

Speriamo che siamo riusciti a sfatare i miti sulla sicurezza di Android / iPhone in cui credevi, e ora puoi adattarti in modo appropriato per una migliore protezione. Se vuoi continuare a discutere di uno qualsiasi dei miti, usa la sezione commenti qui sotto. Ci piacerebbe leggere i tuoi pensieri.

December 9, 2019

Lascia un Commento