350.000 password Spotify rubate, lasciate in un database non protetto

Un gruppo di malintenzionati ha archiviato circa 350.000 password di account Spotify ottenute illegalmente su un server senza crittografia o alcun tipo di protezione. I dati non sono stati acquisiti in violazione dei database degli utenti di Spotify, ma tramite il riempimento delle credenziali.

Il principio del credential stuffing si basa sul fatto che le persone riutilizzino le proprie password su diversi siti Web o servizi. Questo è esattamente il modo in cui il gruppo di hacker in questione ha messo le mani su quelle 350.000 password di Spotify. I malintenzionati hanno utilizzato più fughe di password e hanno iniziato a mescolare e abbinare le password precedentemente trapelate con gli account Spotify fino a quando non hanno trovato corrispondenze funzionanti.

Tuttavia, i malintenzionati hanno anche pensato che fosse una buona idea memorizzare le password ottenute illegalmente su un server senza alcun tipo di protezione. Ciò ha consentito ai ricercatori di sicurezza che stanno esplorando il Web alla ricerca di database non protetti di individuare e identificare il dump della password.

Questo incidente serve a sottolineare ancora una volta l'importanza di non riutilizzare mai le password su dispositivi, siti Web o servizi. La comodità che sembra derivare dal riutilizzo della password non vale mai il pericolo che uno di quei servizi venga violato o che trapeli la tua password e che i malintenzionati possano quindi usarlo per accedere agli altri tuoi account.

Il credential stuffing consente agli hacker di accedere ad account che potresti considerare sicuri, poiché il servizio o il sito in questione non ha mai subito una violazione dei dati. Tuttavia, una perdita da una posizione con una password riutilizzata può potenzialmente consentire agli hacker di compromettere tutti gli altri account che condividono la stessa stringa di password.

Un gestore di password può aiutare a mantenere password diverse e complesse per ogni account separato. Il software non solo può mantenere il database delle password, ma anche offrire suggerimenti su come creare password complesse o diversificare la stringa della password preferita e facilmente memorizzabile in qualcosa di più sicuro.

November 27, 2020

Lascia un Commento